logo home 
logo at home
logo pon home

exit 2

logo maniday 2018

SPORCHIAMOCI LE MANI 2018

UN IMPEGNO CHE CONTINUA DA QUATTRO ANNI

Anche quest’anno il Maniday è stato un grande successo. Più di cento gli studenti al lavoro, coadiuvati dal personale scolastico e dai genitori. Da parte dei ragazzi una prova di impegno e responsabilità verso l’ambiente in cui studiano, per la scuola un’evoluzione positiva dell’iniziativa avviata nella primavera del 2015. In quattro anni sono state rese CONSUETE e quindi davvero educative le attività di SPORCHIAMOCI LE MANI, inserendole in iniziative che coinvolgono gli studenti per tutto l’anno.

  • 1.jpg
  • 2.jpg
  • 3.jpg
  • 4.jpg
  • 5.jpg
  • 6.jpg
  • 7.jpg
  • 8.jpg
  • 9.jpg
  • 10.jpg
  • 11.jpg
  • 12.jpg
  • 13.jpg
  • 14.jpg
  • 15.jpg
  • 16.jpg
  • 17.jpg
  • 18.jpg
  • 19.jpg
  • 20.jpg
  • 21.jpg
  • 22.jpg
  • 23.jpg
  • 24.jpg
  • 25.jpg
  • 26.jpg
  • 27.jpg
  • 28.jpg
  • 29.jpg
  • 30.jpg
  • 31.jpg
  • 32.jpg
  • 33.jpg
  • 34.jpg
  • 35.jpg
  • 36.jpg
  • 37.jpg
  • 38.jpg
  • 39.jpg
  • 40.jpg
  • 41.jpg
  • 42.jpg
  • 43.jpg
  • 44.jpg
  • 45.jpg

 

Alcuni esempi:

  • LA CURA DEI GIARDINI: una volta al mese durante tutto l’anno i ragazzi, guidati dalla prof.ssa Fea, hanno tagliato i prati, potato gli alberi più bassi, strappato erbacce. In primavera hanno arredato i giardini con giochi e attrezzature comprate lo scorso anno o donate dai genitori, calcetti, tavoli da ping pong per le aree verdi di gioco, tavoli e panche per le aule all’aperto. Sabato abbiamo concluso con taglio erba, piantumazione fiori, sistemazione gazebo. Accanto a noi, i ragazzi del Centro Accoglienza di Agrate che la scorsa estate hanno già collaborato con la scuola in attività di tinteggiatura, piastrellatura dei giardini e pulizia.
  • LA TINTEGGIATURA DEI MURI ESTERNI PER LA COPERTURA DI SCRITTE O DISEGNI offensivi, brutti o minacciosi, è la conclusione di un lavoro svolto dai ragazzi di tutte le classi seconde sulla STREET ART, relativo alla competenza dell’asse storico-sociale “saper collocare l’esperienza personale in un sistema di regole generali”, che ha coinvolto le discipline di diritto, arte, storia e religione. “Come è possibile conciliare la libertà di espressione e la tutela dei beni comuni?”, “C’è un rapporto fra i graffiti e il controllo del territorio da parte delle baby gang?”, “Quando i graffiti sono vandalismo e quando invece arte?”. A queste domande hanno dato con noi una risposta la Vicesindaca di Vimercate, dott.ssa Calloni, un criminologo e i docenti di diritto con lezioni sul codice civile e penale. Il lavoro si è concluso con una ricognizione fotografica da parte dei ragazzi dei disegni e delle scritte presenti all’OMNI e con la scelta di quelli ritenuti più offensivi, CHE SABATO ABBIAMO COPERTO con una bella mano di vernice.
  • LA PANCHINA ROSSA, lavoro conclusivo delle attività svolte durante l’anno sul fenomeno della violenza alle donne, ma in generale della violenza come modalità inaccettabile di relazione fra le persone. Oggi i ragazzi dipingono una panchina con la vernice rossa, ci fissano una scarpa rossa e collocano il tutto tra i fiori, all’ingresso della scuola. Segno del nostro rifiuto della violenza e di solidarietà verso le vittime di violenza.
  • LE RIPARAZIONI INTERNE E LE PULIZIE ESTERNE sono la conclusione del lavoro, che dura tutto l’anno, dei nostri tecnici e collaboratori scolastici ma anche degli alunni. Il nostro Regolamento di disciplina prevede infatti che le sospensioni siano scontate con ore di lavoro socialmente utile, affiancando appunto il personale scolastico nelle attività di manutenzione e di pulizia per garantire un ambiente decoroso.

Il Maniday non è solo un impegno che continua da quattro anni, è un’iniziativa che progressivamente è entrata a far parte a pieno titolo dell’attività formativa della scuola.  Sporchiamoci le mani del 2018 è così diventato l’evento conclusivo, all’interno della cornice unificante della partecipazione e dell’impegno civico, di lavori e attività che vengono svolti durante l’anno. Una giornata di festa, lavoro e convivialità che rafforza i legami della nostra comunità scolastica all’insegna del motto “NON C’E’ SCUOLA PIU’ GRANDE CHE ESERCITARE INSIEME IL DIRITTO DI CURA”.